Test di efficacia in vitro

Il claim nutraceutico è il patto che stringi con i tuoi consumatori: diamo fondamento alle tue promesse.

Valorizza il tuo prodotto:

valuta la biodisponibilità del tuo integratore, scegli il tuo claim o la tua funzionalità. Non è in elenco?

e scopriamo insieme come possiamo supportarti.

Sistema digestivo

Attività antinfiammatoria su cellule AGS
Per determinare l’efficacia del prodotto sul sistema digestivo possiamo valutare le sue proprietà antinfiammatorie su una specifica linea cellulare derivata dal tessuto gastrico umano (AGS cell) Nella linea cellulare verrà indotto uno stato infiammatorio utilizzando un opportuno “stimolo” infiammatorio, a seguito le cellule verranno trattate con il prodotto e infine verrà determinata la concentrazione dell’enzima COX2 in quanto indice del livello di infiammazione residuo. COX-2 è l'isoforma inducibile dell'enzima ciclossigenasi e viene attivata in seguito a danno tissutale e responsabile della sintesi delle prostaglandine pro-infiammatorie.

Attività contro Helycobacter pylorii
Se il prodotto ha un claim antimicrobico possiamo effettuare un test di attività contro Helycobacter pylorii. Questo batterio, una volta insediatosi nello stomaco, produce metaboliti tossici all’interno della mucosa gastrica che con il tempo possono portare a gastrite e ulcera. Con questo test dimostreremo in vitro l’efficacia del composto e stabiliremo la concentrazione inibente verso Helycobacter pylorii.

Sistema intestinale

Attività antinfiammatoria su cellule Caco
Per determinare l’efficacia del prodotto sul distretto intestinale è possibile valutare le sue proprietà antinfiammatorie su una linea cellulare di colon umano (CACO2) Nella linea cellulare verrà indotto uno stato infiammatorio e, in seguito a trattamenti con il prodotto, sarà misurata la quantità di specifici marcatori infiammatori. Nei nostri test possiamo rilevare diversi marcatori infiammatori come le citochine e chemochine. L’Interleuchina è di solito presente ad un livello basale nelle cellule a riposo, e la sua produzione è notevolmente aumentata dalla citochina pro-infiammatoria Tumor Necrosis Factor alpha (TNFα), la cui espressione è a sua volta innescata da stimoli nocivi infiammatori. La ossido nitrico sintasi inducibile (iNOS) viene attivata durante l'infiammazione sia con funzione segnalatoria che battericida ed è quindi un altro importante marcatore dello stato infiammatorio.

Attività sulla mucosa intestinale
Per valutare se un determinato composto ha attività sulla mucosa intestinale possiamo effettuare test su una mucosa ricostruita in vitro. Utilizzando la linea cellulare HT29-MTX, una subpopolazione di cellule intestinali secernenti muco, ricostruiamo uno strato mucoso sul quale viene testato il prodotto. Valuteremo quindi come il prodotto è in grado di influire sullo strato di mucosa e le sue capacità protettive nei confronti di agenti tossici in grado di comprometterlo.

Attività prebiotica
L’attività prebiotica riflette la capacità di un dato composto di sostenere la crescita di uno specifico microrganismo probiotico rispetto ai microorganismi patogeni. In questo test valuteremo se il tuo prodotto è in grado di promuovere la crescita di microorganismi benefici scoraggiando, allo stesso tempo, microorganismi potenzialmente patogeni a livello intestinale.

Focus Probiotici
Abbiamo sviluppato specifici test per valutare l’efficacia dei vostri ceppi probiotici:

  • Analisi del potere prebiotico specifico di diverse fibre o estratti naturali verso probiotici
  • Analisi della degradazione di metaboliti da parte di probiotici
  • Valutazione della capacità degradativa di inquinanti
  • Analisi della produzione di metaboliti e peptidi da parte di probiotici
  • Studi di ottimizzazione della produzione di metaboliti da probiotici
  • Test di stabilità di formulati a base di probiotici e additivi/coformulanti
  • Test di attività sinergica di estratti naturali
  • Test di stabilità di formulati a base di probiotici e additivi/coformulanti
  • Test di attività sinergica di estratti naturali
  • Sistema immunitario

    Nei nostri laboratori possiamo approfondire l’effetto dei prodotti nel modulare la risposta immunitaria in saggi in vitro su cellule del sistema immunitario determinando i livelli di determinate molecole segnale e comprenderne quindi l’effetto sistemico.

    In particolare, possiamo effettuare:

  • Test di citotossicità su linee cellulari come CACO-2 da colon, Natural Killer del sistema immunitario e i macrofagi RAW 264.7.

  • Determinazione dell’attività antinfiammatoria di composti sulla linea cellulare CACO-2 di colon monitorando il livello della citochina IL8 secreta in un contesto infiammatorio indotto da TNFalfa (tumor necrosis factor alfa).

  • Sulla linea cellulare Natural Killer attraverso un membrane-based antibody array, possiamo valutare simultaneamente numerose citochine, chemochine e fattori di crescita per determinare i livelli di segnalazione extracellulare. Queste molecole sono rilasciate dalle cellule e hanno ruoli critici in molti processi biologici come la crescita cellulare, la differenziazione, l'espressione genica, la migrazione, l’immunità e l’infiammazione. Nella maggior parte dei processi biologici, più citochine operano in correlazione, dove l'azione di una citochina è regolata dalla presenza o assenza di altre citochine.

  • Determinazione dell’attività antiinfiammatoria di prodotti sui macrofagi RAW 264.7 monitorando il livello di NO (ossido nitrico) prodotto in un contesto infiammatorio indotto da LPS (Lipopolisaccaride batterico).

  • Salute del tratto urinario

    Attività antinfiammatoria su cellule HT1376
    Per determinare l’efficacia del prodotto sul tratto urinario è possibile valutare le sue proprietà antinfiammatorie su una linea cellulare derivata da vescica umana (HT1376). La linea cellulare indotta in uno stato infiammatorio è trattata con il prodotto in esame e successivamente viene misurata la quantità secreta di Interleuchina 8. L’Interleuchina 8 è di solito presente ad un livello basale nelle cellule a riposo, ed è responsabile del “reclutamento” dei globuli bianchi al sito dell’infiammazione. I livelli di IL-8 sono direttamente proporzionali all’intensità dell’infiammazione stessa.

    Attività contro patogeni
    Se il vostro prodotto ha un claim antimicrobico diretto a trattare patologie del tratto urinario possiamo effettuare test contro specifici patogeni di questo distretto corporeo. I nostri test di attività antimicrobica sono ottimizzati verso numero microorganismi come E.coli, Pseudomonas aeruginosa, Proteus mirabilis, Enterococcus faecium, Klebsiella pneumoniae e Staphylococcus aureus MRSA. Con questo test dimostreremo in vitro l’efficacia del composto e stabiliremo la concentrazione inibente verso specifici microorganismi target.

    Attività contro biofilm
    Nei nostri laboratori abbiamo sviluppato uno specifico test in vitro per valutare l’azione di composti e prodotti nei confronti del biofilm formato da diversi microorganismi. Con questo metodo potremo valutare se il vostro prodotto ha un effetto inibente e/o eradicante il biofilm, responsabile di numerose patologie delle vie urinarie. Potremo valutare l’effetto sul biofilm generato da microorganismi come E.coli, Pseudomonas aeruginosa, Proteus mirabilis, Enterococcus faecium, Klebsiella pneumoniae e Staphylococcus aureus.

    Dolore neuropatico

    Per prodotti con azione a livello nervoso, utili per il trattamento del dolore neuropatico, possiamo effettuare un test specifico a sostegno di questo claim. Su una linea cellulare isolata di microglia effettuiamo test su diversi marcatori come il Cannabinoid receptor type 2 (CB2) e il Metabotropic glutamate receptor (mGlu2).

    Poiché la microglia gioca un ruolo chiave nella neuroinfiammazione, come la lesione del cervello e del midollo spinale, l'ictus ischemico, l'infezione e le malattie neurodegenerative, l'esplorazione biologica cellulare dettagliata della microglia, è quindi di fondamentale importanza.

    Articolazioni

    Attività antinfiammatoria su condrociti SW1353
    Per determinare l’efficacia del prodotto a livello articolare è possibile valutare le sue proprietà antiinfiammatorie su una linea cellulare di condrociti (SW1353).

    Sulla linea cellulare indotta in uno stato infiammatorio e trattata con il prodotto in esame valuteremo i livelli di espressione dell’Interleuchina 1 beta e dell'isoforma inducibile dell'enzima ciclossigenasi COX-2. Tali marcatori sono importanti indici dello stato infiammatorio articolare.
    Saggio di uptake del glucosio
    Il metabolismo del glucosio è un processo chiave e una carenza dell’assorbimento insulino-stimolato è associata al diabete di tipo 2. La determinazione dell’uptake di glucosio è quindi utile per determinare gli effetti di vari composti sul diabete.

    Attraverso i nostri test possiamo misurare il livello di assorbimento del glucosio attraverso un saggio in vitro su una linea cellulare di fegato (HEP G2) e quindi determinare come un composto interviene in questo processo metabolico.

    Controllo del peso

    Inibizione alfa amilasi
    Nei nostri laboratori possiamo valutare l’attività inibente dell’enzima alpha-amilasi di estratti naturali per uso nutraceutico. La α-amilasi è un enzima appartenente alla classe delle idrolasi, che catalizza l'endoidrolisi dei legami 1,4-α-D-glucosidici in oligosaccaridi e polisaccaridi contenenti tre residui o più.

    Utilizzando un enzima standard a titolo noto (di origine porcina, solitamente utilizzato come standard per la simulazione della digestione nel tratto gastro intestinale) vengono eseguiti test di quantificazione della inibizione dell’attività enzimatica in presenza di diverse concentrazioni di composto da testare. Con questo test viene quindi valutata la variazione dell’attività specifica dell’enzima in presenza del composto test e quindi determinato il suo effetto inibente.

    Focus probiotici

    Abbiamo sviluppato specifici test e attività per valutare l’efficacia dei vostri ceppi probiotici:

    • Analisi del potere prebiotico specifico di fibre ed estratti naturali verso probiotici
    • Analisi della degradazione di inquinanti e metaboliti da parte di probiotici
    • Saggio di fototossicità in vitro 3T3 NRU
    • Analisi della produzione di metaboliti e peptidi da parte di probiotici es vitamine, batteriocine
    • Studi di ottimizzazione della produzione di metaboliti da probiotici
    • Test di stabilità di formulati a base di probiotici e additivi/coformulanti
    • Test di attività sinergica con estratti naturali


    In collaborazione con la divisione Bioindustry, possiamo inoltre proporti:

    • Miglioramento del ceppo
    • Messa a punto di metodiche di fermentazione ad alta densità
    • Identificazione e formulazione di miscele di probiotici per proprietà specifiche

    Vuoi testare il tuo prodotto su uno specifico distretto?

    Qual è il distretto target del tuo prodotto o le proprietà che vorresti valorizzare?

    In vitro tutto è possibile.



    CONTATTACI

    Vuoi valutare la compatibilità e shelf life?